La voce curandera logo
Sui chakra

Chi non ha sentito oggi parlare sui chakra? È un concetto che è nella nostra cultura quasi costantemente, ma non sempre ne conosciamo l’importanza e il significato sulla nostra salute fisica, emotiva e spirituale. Quindi prendiamo nota, perché prestare attenzione ai nostri chakra può portarci armonia ed equilibrio per il nostro benessere.

Cosa sono i chakra?

I chakra sono centri di energia sottile lungo la colonna vertebrale. Chakra significa in sanscrito “ruota o vortice” perché l’energia e la luce si irradiano all’esterno da essi come dal mozzo di una ruota. Ogni mulinello scambia energia con il campo energetico universale. Quando i chakra sono aperti c’è uno scambio d’energia da dentro a fuori e viceversa. La mancanza del flusso nel sistema energetico umano conduce alla malattia.

I chakra ricevono e trasmettono l’energia e tutta l’informazione procedente dai piani sottili. Dal centro di ogni vortice il prana estrae tutta la forza del chakra, in modo che via via che il chakra assorbe più forza, più luce avrà e più si svilupperà.

I chakra quando sono in equilibrio girano in senso orario. Se un chakra gira inversamente, si chiuderà e non assorbirà più le energie essenziali che si vogliono per il suo buon funzionamento.

Pertanto, i chakra ei loro 7 elementi svolgono un ruolo cruciale sia nella nostra vita esterna che interna. Da un lato, interferiscono con il nostro corpo e la salute fisica. Contribuiscono anche alla nostra salute e all’equilibrio psicologico. E, infine, alla nostra vita interiore e spirituale, aumentando la nostra felicità.

Funzioni, localizzazione e associazioni di ogni chakra

Chakra Muladhara o chakra della radice

Il 1° chakra, quello della “radice” o della “base”, é localizzato alla base della colonna nella zona del perineo. In questo modo, si relaziona con le ghiandole surrenali e viene associato alla sopravvivenza, la forza vitale, la quantità di energia e il desiderio di vivere nella realtà fisica. In questo senso è anche collegato con il centro della terra, e gli organi interessati sono il retto e la vescica, che presiedono alle funzioni dell’eliminazione.

Svadhistana o chakra sacrale

Il 2° chakra dell’”osso sacro”, è posto sotto l’ombelico. È collegato alle gonadi, ed è pertanto in relazione con gli organi sessuali e le funzioni riproduttive. In questo senso, viene associato con il dare e ricevere piacere sessuale oltre che con la quantità di energia sessuale.

Manipura o chakra del plesso solare

Il 3° chakra, del “plesso solare”, situato alla base dello sterno, è associato al pancreas e, quindi, alle funzioni digestive (stomaco, fegato, milza). È il centro dove ha origine il potere e il dominio su noi stessi. È il ponte tra il cuore e la sessualità. Cosí, viene collegato con la capacità di connessione umana, dove sta la comprensione mentale delle emozioni.

Anahata o chakra del cuore

Il 4° chakra, del “cuore“, situato nella parte centrale del petto, è relazionato con il timo e con gli organi del cuore e della respirazione. È il chakra dell’amore e della compassione verso sé stessi e gli altri.

Visshudha o chakra della gola

Il 5° chakra, della “gola”, relazionato con la tiroide, viene associato con la parola e l’udito. È il chakra della comunicazione e della creatività. Gli alimenti e le cose che ci succedono nella vita lo attraversano. È in relazione con il senso di responsabilità dei nostri bisogni, con la capacità di ricevere ciò che ci arriva dall’esterno, la spontaneità e la capacità di rivelare sé stesso.

Ajna o chakra del terzo occhio

Il 6° chakra, del “terzo occhio”, posto tra le ciglia, è relazionato alla ghiandola pituitaria. È associato all’immaginazione, le capacità psichiche, la ricerca spirituale, la chiaroveggenza, l’intuizione e la capacità di porre in azione le idee creative.

Sahasrara o chakra della corona

Il 7° chakra, della “corona“, situato sulla sommità del capo è controllato dalla ghiandola pineale. È il centro della spiritualità, dell’illuminazione, della connessione della persona con tutto il suo essere fisico, emotivo, mentale e spirituale. Rivela, per tanto, uno stato di trascendenza che va al di là del mondo fisico.

In quale modo si può lavorare sui chakra?

Raggiungere una vita piena e armoniosa non è facile, poiché per questo tutti i chakra devono essere in equilibrio.

Per bilanciarli, è necessario un lavoro di conoscenza di sé e di sottile e profonda osservazione. Lo yoga, il massaggio, la meditazione, insieme al lavoro psicologico, all’espressione corporea o al lavoro con i suoni dei chakra e il canto libero come forma espressiva, sono ottimi strumenti.

Un altro modo per attivare l’energia di ogni chakra è attraverso i suoi colori associati, i suoi profumi o essenze, le sue pietre o minerali, i suoi suoni…

Come si relazionano i chakra con i suoni?

Lavorare con i suoni aumenta la capacità di toccare molte delle energie sottili dei chakra. 

In generale, sembra che ogni chakra risuona con differenti suoni. Infatti, sembra esserci una relazione diretta tra il chakra, la parte del corpo in cui è situato e le diverse frequenze dei suoni.

Perciò esiste anche una relazione abbastanza solida tra tono e chakra.  I chakra inferiori sono influenzati dai suoni più bassi, mentre i chakra superiori da quelli più alti.

Lo stesso è anche certo relativamente alle cavità del nostro corpo:

  • In questo senso il suono più basso che possiamo fare risuona nella parte più interna del nostro tronco ed influisce anche sui primi chakra.
  • I suoni di altezza media risuonano nella parte media del nostro tronco e secondo la tonalità possono interagire con i chakra del plesso solare, del cuore o della gola.
  • I registri superiori, e in particolare il suono più alto che possiamo fare, sembrano vibrare nei chakra della testa e della corona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Más
Historias

Sui chakra

Chi non ha sentito oggi parlare sui chakra? È un concetto che è nella nostra cultura quasi costantemente, ma non sempre ne conosciamo l’importanza e

Leer más »